Jovanotti operato dopo l’incidente: “Un dolore fortissimo”, le sue condizioni

Jovanotti è stato operato dopo la brutta caduta in bicicletta ed ha pubblicato una breve storia per rassicurare i fan.

Nessuna parola, solo un post e un’immagine, probabilmente scritta da terzi. Le sue condizioni sono stabili ma l’operazione è stata difficile e il cantante sta soffrendo molto nonostante le medicine.

L’intervento si è reso necessario dopo la caduta dalla bici mentre si trovava a Santo Domingo con la moglie.

Jovanotti operato dopo l’incidente: come sta

Era in giro facendo una passeggiata tra le piantagioni quando è avvenuto l’incidente, Jovanotti ha compreso subito di essersi rotto qualcosa perché il dolore era molto forte. I presenti hanno allertato i soccorsi e prestato le prime cure del caso, aiutandolo ad alzarsi. La situazione si è fatta molto complessa e quindi è scattato il trasporto in ospedale e il ricovero d’urgenza.

Jovanotti in ospedale
Jovanotti, a cosa è stato operato e come/Foto Instagram (velvetstyle.it)

L’esito non è stato quello sperato, frattura della clavicola e del femore in più punti, non una passeggiata ma sicuramente qualcosa che può capitare a chi come lui è uno sportivo ed è abituato anche a questo. Pochi mesi fa il tour in Sudamerica in bicicletta, purtroppo sono i rischi del mestiere. Lorenzo Cherubini ha contattato prontamente il suo medico, Fabrizio Borra, il quale ha confermato la necessità di eseguire un intervento e la successiva riabilitazione. Un brutto colpo e sicuramente uno stop per il cantante perché il percorso da qui in poi sarà un po’ più lento.

L’intervento è avvenuto, scocciante e doloroso ma ha dato esito positivo. Le fratture sono state riallineate e quindi bisognerà attendere che la natura faccia il suo corso per ricomporre le ossa.

Frattura del femore: che tipo di intervento ha subito Jovanotti

La frattura del femore non è una passeggiata, se negli anziani può essere addirittura fatale, anche nei giovani è molto complessa e soprattutto dolorosa. Per Jovanotti questa è avvenuta in più punti quindi è stato fondamentale procedere con l’intervento per poterla ricomporre. Traumi sportivi, incidenti sono spesso causa di questo tipo di frattura.

Bisogna considerare che si tratta di una parte del corpo veramente robusta, mentre negli anziani la caduta è pericolosa perché chiaramente le stesse sono più sottili, nei giovani no quindi per rompersi ci deve essere un trauma importante oppure una patologia. Nel caso di Jovanotti questo è stato causato da una caduta in bicicletta. Quando ci sono delle parti scomposte, come nel suo caso, si procede all’intervento per riallineare il tutto e fermare, come ha spiegato il cantante, il tutto con dei chiodi di grosse dimensioni e dare tempo alle ossa di risanarsi da sole.

Durante l’intervento vengono anche valutate le strutture circostanti come lesioni ai legamenti o ad altri punti. In generale una lesione di questo tipo può essere trasversale, obliqua oppure spiroidale a seconda di come si sono rotte le parti dell’osso.

I sintomi tipici di una rottura del femore sono dolore intenso, acuto e crescente, come riferito da Jovanotti anche dopo l’intervento. Il fastidio parte dall’inguine e può arrivare anche alle gambe. Si può avvertire un rumore e anche l’impossibilità a mantenere le posizioni. La zona tende a gonfiarsi e possono apparire deformazioni e tumefazioni. Essendo caduto in strada Jovanotti presentava anche altri segni per via dello scontro.

Le fratture devono essere trattate subito in questo caso perché le complicazioni sono tante, soprattutto se ci sono problemi correlati di cui non ci si accorge e poi anche perché una frattura che si consolida male porta a una rigidità articolare poi difficile da modificare.

Per prevenire fratture di questo tipo è fondamentale, per chi va in bici, usare sempre le protezioni perché solo in questo modo si può attutire ma non evitare del tutto il colpo. Questa frattura è molto noiosa non solo per i dolori ma anche perché quasi sempre richiede un intervento, come in questo caso e soprattutto un lungo decorso post operatorio quando il paziente dovrà imparare nuovamente a camminare mediante la riabilitazione.

Possono volerci fino a sei mesi anche se tutto dipende dalle condizioni della persona, dall’età, dalla struttura fisica e anche dal tipo di danno. In questo caso le lesioni erano in più punti quindi ci vorrà un po’ di tempo, non è chiaro se Jovanotti deciderà di proseguire a Santo Domingo la riabilitazione o tornare in Italia per le cure del caso da parte dei suoi medici. Al momento non si può muovere dal letto e non potrà farlo fino a quando la parte non sarà completamente rimarginata, questo vuol dire comunque che anche per un eventuale trasporto aereo si dovranno valutare queste condizioni.

Frattura scomposta, come si interviene in questo caso

L’intervento subito da Jovanotti è abbastanza comune in questo caso, si tratta di un’osteosintesi con chiodi endomidollari che permettono di ripristinare la posizione. Vengono fissate le componenti con un’asta di titanio che viene poi bloccata con delle viti sia nella parte superiore che inferiore dell’osso. In questo modo si mantiene la gamba allineata e corretta durante tutto il percorso di ripristino dell’osso e di successiva riabilitazione.

Prima però di poter portare nuovamente il carico del corpo e quindi del peso bisogna attendere perché in questo caso possono subentrare numerose problematiche. Il processo di guarigione quindi di svolge a letto, molto dipende anche dall’eventuale fissazione dei muscoli quindi dalle parti esterne eventualmente lesionate. Il dolore viene gestito con prodotti appositi su prescrizione medica, ma è molto forte.

La guarigione è lunga, soprattutto se come nel suo caso c’è una frattura scomposta che ha richiesto l’intervento. Le complicazioni che possono subentrare, in caso di intervento non eseguito correttamente, sono: dolore all’anca o alla gamba, danni periferici a muscoli, tendini, vasi, complicanze come trombi e coaguli. Per questo viene definito come intervento serio legato a certi rischi.

Successivamente, una volta sanato l’osso, si procede con la fisioterapia che offre la possibilità di riallineare il corpo al movimento, soprattutto se sono passati molti mesi. Nel tempo si torna quindi a uno stile di vita normale.

Frattura della clavicola

La frattura della clavicola manifestata da Jovanotti riguarda praticamente l’osso del torace e la spalla, ovvero il collegamento dell’arto superiore al resto del collo. Questa oltre ad essere molto dolora è preoccupante perché in quest’area passano tantissimi nervi e vasi sanguigni. Quando si manifesta la rottura della clavicola capita anche che ci siano danni ad altre parti del corpo, non è una cosa insolita.

frattura clavicola
Jovanotti si è spezzato la clavicola (velvetstyle.it)

Quando si frattura la clavicola le conseguenze sono importanti per la spalla, oltre al dolore piuttosto forte, c’è l’impossibilità ad effettuare il movimento, la deformità della spalla e la sensazione che questa sia più bassa rispetto all’altra. Quando le parti sono distanti, l’unico modo per riallinearle e quindi permette all’osso di sanarsi è intervenire chirurgicamente e unire i due punti. Dopo l’operazione e comunque anche durante la riabilitazione sarà necessario avere un tutore che consenta alle spalle di restare ferme.

Viene praticato un bendaggio a forma di 8, come visibile dalle immagini pubblicate da Jovanotti. Successivamente, quando l’osso è ormai ricomposto, allora si procede alla fisioterapia per mantenere la fluidità dell’osso e delle parti circostanti. Anche in caso di guarigione può infatti esserci una certa rigidità o debolezza della spalla. Rispetto ad altri tipi di fratture vengono fatti controlli periodici durante la fase di guarigione per poter determinare la posizione corretta dell’osso ed evitare che in qualche modo questo si sposti.

Questi saranno mesi molto difficili per Jovanotti che comunque sta affrontando tutto con il sorriso come sempre, ha infatti pubblicato alcuni video prima dell’operazione e, nonostante il dolore, ha spiegato di essere pronto a tornare e recuperare in fretta.

Impostazioni privacy