Quando finisce Reazione a catena 2023: la data dell’ultima puntata

È iniziato il 5 giugno scorso ma non è ancora tempo di chiudere i battenti, Reazione a catena andrà in onda ancora per un bel po’

Appuntamento imperdibile per i tanti telespettatori appassionati dell’ormai celebre game show lanciato da Amadeus e condotto da Marco Liorni. Rispetto alle scorse annate il programma prolungherà, si tratta di un cambiamento radicale. Non era mai avvenuto in diciassette edizioni, si interrompe la tradizione.

I campioni in carica sono rimasti i Dai e Dai, protagonisti di uno spiacevole incidente. In una delle puntate infatti per far indovinare la parola durante L’Intesa vincente avevano utilizzato una perifrasi fin troppo azzardata, facendo riferimento allo scippo di una povera anziana – la parola era infatti ‘borsetta’. Era stato poi lo stesso Liorni a interromperli: “Ma che state dicendo? Non si possono usare questi termini, devo penalizzarvi”.

Nonostante il piccolo intoppo, con la relativa censura, la cavalcata del trio di Livorno si sta rivelando fruttuosa, e il montepremi cresce puntata dopo puntata. In tanti si chiedono quando verranno spodestati visto che oltre a rimanere imbattuti potranno spingersi in un territorio finora inesplorato. Reazione a Catena infatti continuerà anche dopo la fine dell’estate.

Reazione a catena 2023, il colpo di scena sulla data di chiusura

Svolta epocale per il programma che per la prima volta nella sua storia supererà l’estate, il pubblico potrà finalmente assistere alla versione autunnale dello show – un piccolo assaggio lo scorso anno quando finì a ottobre inoltrato. Sì perché l’ultima puntata è stata già programmata: le luci dei riflettori si spegneranno il 17 dicembre prossimo. Pino Insegno e L’Eredità dovranno mettersi l’anima in pace, dopo diciassette edizioni si cambia. La Rai non rinuncia a Reazione a catena diventata ormai una macchina perfetta che fa incetta di ascolti – si sono registrare punte addirittura di 2,6 milioni.

Un riscontro positivo che non può non essere frutto di una conduzione sapiente. Dopo tanti avvicendamenti – hanno presentato: Pupo, Pino Insegno, Amadeus e Gabriele Corsi – il quiz dal 2019 in poi ha trovato un padrone attento e affezionato. Marco Liorni è il volto perfetto per la trasmissione, i telespettatori lodano le sue abilità e soffrirebbero di certo nel vederlo abbandonare la nave. A viale Mazzini però conoscono benissimo il suo potenziale e sperano di proseguire il sodalizio per tanti anni ancora.

Reazione a catena fino a dicembre, ecco quando finirà
Una delle ragioni del successo è la conduzione impeccabile di Marco Liorni – velvetstyle.it (fonte foto ANSA)

In merito ai tanti complimenti che sta ricevendo il 57enne ammette con un po’ di modestia ai microfoni di Tv Sorrisi e Canzoni: “Il successo di Reazione a catena è Reazione a catena. I miei meriti? Cerco solo di non rovinarlo, mi limito a esaltare i motivi per cui la gente lo guarda”. È sicuro del punto di forza del gioco: “La creatività muove tutto. Anche se non ce ne accorgiamo le parole risvegliano sempre qualcosa in noi, combinarle tra di loro e associarli è un lavoro che ci fa sentire liberi, che ci fa stare bene”.

Infine la chiosa sul perché funzioni così bene: “È una macchina gioiosa che gira alla perfezione, possiamo paragonare Reazione a un veicolo ibrido: ha un motore ecologico e si autoalimenta”. Ora la sfida è mantenere alto il livello anche nei prossimi mesi, si tratta di un inedito assoluto e lui sarà pioniere. Si prospetta avvincente la corsa al titolo, visto che almeno per ora i Dai e Dai sembrano impossibili da battere.

I Dai e Dai ancora campioni: ecco cosa faranno col montepremi

La squadra dei Dai e Dai è composta da: Simone Costagliola, Marco Voir e Simone Mariottini (che è stato soprannominato Mario per l’occasione). I trentenni ribattezzati supercampioni perché siedono sul trono di Reazione a catena da più di venti giorni. La loro abilità fuori dal comune non nasce per caso, hanno sempre seguito la trasmissione, sono patiti sin dal giorno uno: “Era il 2007 quando cominciò il programma, guardavo tutte le puntate e mi segnavo le parole de L’intesa vincente e delle Catene musicali. Poi l’indomani al mare mi incollavo al viso la faccia ritagliata di Pino Insegno o di Amadeus e facevo giocare gli amici”, ha raccontato Simone a TV Sorrisi e Canzoni.

Dai e Dai, chi sono i supercampioni di Reazione a catena
I Dai e Dai si raccontano in un’intervista, chi sono i supercampioni – velvetstyle.it (fonte foto Instagram @marcoliorni)

Al 2021 risale la loro prima partecipazione, inizialmente si chiamavano Gli scogli piatti – in onore di un luogo di Livorno dove si ritrovavano da ragazzi. L’avventura non ha l’epilogo sperato, vengono eliminati a bruciapelo, ma promettono di riprovarci più avanti. E così è stato, più preparati che mai stanno infrangendo record su record, ora da circa tre settimane detengono il titolo di campioni. Sul piatto del montepremi che stanno portando a casa ci sono oltre 70mila euro in gettoni d’oro.

Sanno già come spenderli, anche se per loro non è mai stata una questione di soldi. Simone ne farà buon uso assieme alla fidanzata, Mario li sfrutterà per viaggiare oltre che per fare la spola tra Italia e Irlanda – dove lavora – e poi c’è Marco che ha intenzione di comprare una macchina nuova. Il guadagno più prezioso però saranno i ricordi che si porteranno dietro: “Tra tanti anni saremo ancora lì a dirci: ‘Ti ricordi quel concorrente che ci ha fatto ridere?’ oppure ‘Liorni che ci ha fatto ballare?’, sono ricordi che valgono tutto”.

Impostazioni privacy