Miss Universo: Yamamay firma i costumi da bagno delle aspiranti reginette

Yamamay, il marchio di intimo donna e uomo, pigiami, underwear, costumi da bagno, lingerie e bikini, quest’anno ha messo a segno un colpo spettacolare. Ha deciso di vestire le candidate all’ambitissimo premio di Miss Universo, il più prestigioso concorso di bellezza del mondo, seguito da circa 600 milioni di spettatori. Miss Universo è un evento nato in California più di cinquant’anni fa. Quest’anno il concorso planetario si terrà il 9 novembre per la prima volta al Crocus City Hall di Mosca. La Russia ospiterà infatti le finaliste di oltre 80 paesi insieme a Luna Voce, Miss Universe Italy, la rappresentante italiana che ha vinto il titolo alla Finale Nazionale 2013 il 20 Luglio a Roma.

[nggallery id=653 images=5]

Il costume nazionale 2013, che sfilerà il 3 Novembre al Vegas Mall di Mosca, è stato realizzato dallo stilista Maxmilian ed  è ispirato allo storico carnevale di Venezia, uno dei più prestigiosi e conosciuti eventi al mondo.

I costumi delle aspiranti miss sono stati realizzati da Yamamay in anteprima per l’estate 2014. Le due linee presentate al Rio Leninsky Mall negli scorsi giorni si ispirano al mito di Catalina, magico marchio americano degli anni ’50 da cui nasce il concorso. Dopo le vivaci stampe floreali, le colorate fantasie astratte e i decori all’uncinetto che hanno caratterizzato la scorsa collezione rendendo i bikini Yamamay sexy e sbarazzini, Yamamay for Miss Universe è caratterizzata da sobrietà, linee semplici e molto composte. I costumi sono in tinta unita e senza decori particolarmente ingombranti e le palette di colore molto tradizionali: bianco, nero con una declinazione classica dei colori primari. Il copricostume non crea varianti estetiche rispetto ai colori dei costumi.

Le aspiranti miss sono rigorosamente in due pezzi, ognuna di loro indossa una delle molte declinazioni del reggiseno, che Yamamay produce in diverse versioni per meglio adattarsi a tutte le forme femminili.

Foto by Facebook

Impostazioni privacy