Alitosi quando lo spazzolino non basta: i rimedi per eliminare l’alito cattivo

I consigli degli esperti, come eliminare l’alito cattivo: contro l’alitosi lo spazzolino (e le norme classiche di igiene) non basta. 

L’alitosi, comunemente nota come cattivo odore del respiro, è un disagio che molti affrontano quotidianamente. Nonostante possa sembrare un problema di poco conto, in alcuni casi può nascondere patologie più serie.

Alitosi cause e rimedi
Alitosi, lo spazzolino non basta: cause e rimedi – Velvetstyle.it / Credits: Canva.it

Tuttavia, nella maggior parte delle situazioni, è possibile trovare soluzioni efficaci e relativamente semplici per contrastarla.

Come capire se soffri di alitosi

Scoprire di soffrire di alitosi non è sempre immediato. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzare una garza pulita: strofinandola sulla lingua e aspettando qualche minuto prima di annusarla, si può avere un’indicazione dell’odore del proprio alito. Altri strumenti utilizzabili sono il filo interdentale o un cucchiaino. In alternativa, chiedere a qualcuno di fiducia può essere una soluzione, sebbene possa risultare imbarazzante.

La causa principale dell’alitosi risiede nella proliferazione dei batteri nel cavo orale che producono composti sulfuretti maleodoranti. Questa proliferazione può essere favorita da diversi fattori come una cattiva igiene orale, la presenza di carie o infezioni gengivali ma anche da condizioni come raffreddore o sinusite che aumentano la produzione di muco favorendo la crescita batterica.

Una delle cause meno note ma altrettanto importante è la xerostomia o secchezza della bocca. Questa condizione può derivare da disidratazione, effetti collaterali di alcuni farmaci o abitudini dannose come il fumo. Mantenere una corretta idratazione bevendo acqua regolarmente aiuta a prevenire questo problema.

Contrariamente a quanto si possa pensare, l’alitosi non è direttamente correlata ai problemi digestivi sebbene alimentarsi con cibi dall’odore forte possa temporaneamente influenzarne il profumo. È invece importante evitare lunghi periodi di digiuno e consumare alimentazioni bilanciate ricche in frutta e verdura oltre ad evitare alcolici e dolci che favoriscono la proliferazione batterica.

Come combattere l’alitosi: i rimedi

Una corretta igiene orale quotidiana rappresenta il primo passo indispensabile per combattere l’alitosi: lavarsi i denti dopo ogni pasto utilizzando dentifricio adeguato ed eseguire pulizie professionalmente dal dentista ogni sei mesi può fare una grande differenza. L’utilizzo quotidiano del filo interdentale rimuove i residui alimentari tra i denti contribuendo significativamente alla salute orale.

Seguire una dieta equilibrata ricca in frutta fresca verdure cereali ed erbe aromatiche contribuisce non solo alla salute generale ma anche alla prevenzione dell’alitosi come salvia menta, timo, rosmarino e basilico possono essere particolarmente utili per mantenere un alito fresco. Evitare digiuni prolungati, bere molta acqua e includere nella dieta cibi fermentati come lo yogurt possono anch’essere d’aiuto grazie alla loro azione probiotica.

Cause e rimedi contro l'alitosi
I rimedi contro l’alitosi quando lo spazzolino non basta – Velvetstylie.it / Credits. Canva.it

Per chi cerca soluzioni immediate esistono spray, gomme e pastiglie a base di erbe aromatiche che possono offrire un sollievo temporaneo, ma è importante ricorrere a integratori specifici per rinforzare l’equilibrio della flora orale sotto consiglio medico può essere un ulteriore passo nella gestione dell’alitosi cronica.

In caso di persistente secchezza della bocca è disponibile una gamma di gel idratanti che sono stati formulati appositamente per offrire sollievo ed aiutare a mantenere una buona salute orale diminuendo il rischio di alito sgradevole. Adottando queste strategie è possibile affrontare l’alitosi superando l’imbarazzo che spesso accompagna questo disagio. Ricordarsi che in molti casi la soluzione è a portata di mano con piccoli cambiamenti nello stile di vita sia nell’alimentazione che nelle abitudini quotidiane d’igiene orale.

Impostazioni privacy