Zalando, Vanessa Incontrada (ancora) testimonial della nuova campagna [VIDEO]

Ormai il legame fra Vanessa Incontrada e Zalando è più che consolidato (il primo spot risale allo scorso marzo): la conduttrice e attrice spagnola (in questi giorni sul piccolo schermo con la miniserie di Rai 1 Anna e Yusef) è nuovamente la testimonial del famoso brand specializzato nella vendita online di scarpe, abiti ed altri accessori. La campagna pubblicitaria è in onda dallo scorso 6 settembre ed è stata diretta – ancora una volta – dal regista newyorkese Matthew Frost. “E’ facile trovare quello giusto” è lo slogan e allo stesso tempo la filosofia della società di e-commerce fondata in Germania. Vanessa si trova a casa e sembra stia lasciando il suo uomo: quando l’inquadratura si allarga, i telespettatori scoprono che invece sta parlando con uno dei suoi vestiti che ormai non le piace più.

Fortunatamente da Zalando arriva la consegna di un capo nuovo, con la conseguente restituzione di quello vecchio. “Abbiamo migliorato la procedura di reso – ha dichiarato Giuseppe Tamola, country manager del marchio in Italia – rendendola più intuitiva e con questo nuovo spot vogliamo mostrare ai nostri clienti la facilità e la comodità di fare il reso con Zalando. Per noi è importante che ognuno trovi il suo articolo preferito senza alcuna difficoltà. Ovvero ‘lasciar andare‘ ciò di cui non si è sicuri e tenere solo il capo giusto“.

La Incontrada ha dimostrato fin da subito un certo entusiasmo nella collaborazione con Zalando, visto che per lei si tratta di una specie di negozio privato da avere a disposizione stando comodamente a casa propria. Come ogni portale di acquisti sul web (stile Amazon, Private Griffe e Yoox, solo per citarne alcuni) la facilità sta nel poter comprare qualsiasi accessorio in ogni momento e, soprattutto, senza limiti. “Puoi avere a disposizione i tuoi capi preferiti – ha detto qualche tempo fa – davanti ad un caffè con la tua migliore amica mentre fai due chiacchiere in tutta comodità“.

Foto by Twitter

Impostazioni privacy